È reato versare solo in parte l’assegno di mantenimento per il figlio

Pubblicato il: 10/01/2023

La Sesta Sezione penale della Corte di Cassazione, con sentenza n. 48593/2022, ha dichiarato inammissibile il ricorso di un padre, condannato sia in primo grado che in appello per non aver adempiuto all’obbligo, stabilito in sede civile, di versare alla moglie separata l’importo mensile di euro 250,00 per il mantenimento del figlio minore, oltre al 50% delle spese straordinarie.
Infatti, egli si era limitato ad effettuare versamenti parziali fino alla metà del 2017; successivamente aveva omesso totalmente i pagamenti fino al febbraio 2018.
A propria difesa, l'imputato aveva sostenuto in giudizio di non essere stato in grado di corrispondere somme maggiori.
Tuttavia, la Suprema Corte ha ritenuto che il ricorrente avrebbe dovuto formulare “specifiche deduzioni” in ordine alla propria asserita “condizione di effettiva, oggettiva, persistente e incolpevole incapacità economica, tale da giustificare l’inottemperanza per un lungo lasso di tempo”.
Invece, l’uomo si era limitato a fornire prospettazioni del tutto generiche, come tali assolutamente inidonee a dar conto delle sue effettive condizioni personali e familiari.

Vai alla Fonte