Violazione obblighi di assistenza familiare: quando non è punibile?

Pubblicato il: 13/04/2022

La Corte di Cassazione, con sentenza n. 10630 del 24 marzo 2022, ha affrontato il tema dell’applicabilità della causa di non punibilità per particolare tenuità del fatto al reato di violazione degli obblighi di assistenza familiare, optando per la soluzione favorevole.

Al fine di comprendere tale approdo giurisprudenziale, occorre premettere che

  • tale reato è previsto dall’art. 570 c.p., che punisce chiunque, abbandonando il domicilio domestico o comunque serbando una condotta contraria all'ordine o alla morale delle famiglie, si sottragga agli obblighi di assistenza inerenti alla responsabilità genitoriale, alla tutela legale o alla qualità di coniuge. Il reo, in tali casi, è punito con la reclusione fino a un anno o con la multa. Ai sensi del secondo comma, tuttavia, le dette pene si applicano congiuntamente a chi malversi o dilapidi i beni del figlio minore o del coniuge oppure faccia mancare i mezzi di sussistenzaai discendenti di età minore (ovvero inabili al lavoro, agli ascendenti o al coniuge, il quale non sia legalmente separato per sua colpa). La fattispecie in cui più comunemente si vede integrato tale reato, nello specifico, è quella del mancato pagamento, da parte del genitore non affidatario o non collocatario, delle somme dovute mensilmente all’altro genitore per il mantenimento del figlio;
  • la particolare tenuità è contemplata dall’art. 131 bis c.p., che esclude la punibilità del reato al ricorrere di tre requisiti, cioè a) che la pena detentiva irrogabile sia non superiore nel massimo a cinque anni; b) che il comportamento non sia abituale; c) che l’offesa risulti di particolare tenuità alla luce delle modalità della condotta e dell’esiguità del danno o del pericolo.

Tanto premesso, occorre chiedersi se tali presupposti sussistano anche nel caso in cui un genitore, dopo aver saltato il pagamento di diverse mensilità del mantenimento nel corso di un periodo di difficoltà economica, riprenda a versare gli emolumenti dovuti con regolarità, salando altresì l’arretrato. E proprio a tale quesito ha fornito recentemente risposta la Corte di Cassazione con la pronuncia citata, affermando che va tenuto in considerazione l’adempimento tardivo del debito arretrato, che sostanzialmente neutralizza il nocumento patrimoniale provocato dal reato.

L’art. 131 bis c.p., infatti, delinea – ricorda la Suprema Corte – una “causa di non punibilità fondata sul presupposto della inutilità della pena in presenza di un’offesa minima al bene giuridico protetto dalla norma incriminatrice”, sicchè può benissimo trovare applicazione in relazione alla fattispecie descritta.

La vicenda concreta giunta all’attenzione della Corte, in particolare, riguardava un padre accusato di aver fatto mancare i mezzi di sussistenza alla propria figlia minore, non versando alla madre l’assegno di mantenimento né provvedendo altrimenti. L’uomo era dunque condannato per il reato di cui all’art. 570 co. 2 n. 2, sia dal Tribunale che dalla Corte d’appello.
Avverso la sentenza di secondo grado aveva dunque proposto ricorso l’imputato, lamentandosi – per quanto ora di rilievo – della mancata esclusione della punibilità del fatto, il quale risultava del tutto occasionale e comunque commesso ad un circoscritto periodo in cui il ricorrente era disoccupato.
In accoglimento di tale censura, la Corte di Cassazione ha dunque cassato la sentenza con rinvio.


Vai alla Fonte